Digital Marketing

LinkedIn per la Lead Generation B2B

lead b2b linkedin

Molti lo conoscono e lo utilizzano più di altri social media anche molto più popolari. Lo scopo principale per cui è stato pensato è facilitare la ricerca di lavoro nel mondo ormai 2.0, questa caratteristica rende infatti LinkedIn una piattaforma tanto utile alle persone quanto alle imprese.

 

Molti si sono iscritti a LinkedIn dopo aver ricevuto consigli da un amico subito dopo il termine degli studi. LinkedIn è una piattaforma rapida e semplice che permette a tutti di rendere pubblico il proprio curriculum vitae.

Nonostante però siano in molti ad averlo, non sono altrettanti quelli che sanno come usarlo.

Addirittura, molte persone ancora credono che non sia utile alla ricerca di lavoro o di clienti. Al contrario! Non potreste essere più in errore!

LinkedIn è una piattaforma che se sfruttata nel modo adeguato vi permetterà di ampliare la vostra rete di contatti in maniera esponenziale. Se siete tra quelle persone che stanno dubitando o che hanno perso la fiducia in LinkedIn allora siete capitati nel posto giusto, perché oggi vi proponiamo la guida completa all’utilizzo di LinkedIn, con un’attenzione particolare a quello di LinkedIn Aziendale e alla creazione di nuovi lead.

 

linkedin aziendale

 

LinkedIn Aziendale: una strada da percorrere

Un punto importante per leggere questa guida all’utilizzo di LinkedIn aziendale nel modo corretto e aver ben chiara la differenza tra profilo personale e pagina aziendale.

Il primo si riferisce alla persona fisica con tutte le sue esperienze e il suo curriculum; il secondo caso invece corrisponde ad un’azienda, un’impresa o quant’altro.

Avere una pagina aziendale LinkedIn è sicuramente il primo step per partire a costruirsi una reputazione digitale, o comunque rimane un’ottima base d’appoggio. Non è sicuramente una procedura semplice ed immediata, come per esempio può esserlo su Facebook o Instagram, infatti sono necessari alcuni requisiti di cui parleremo a breve.

Partendo dalle linee guida di LinkedIn, capiamo subito che non è un procedimento sbrigativo quello di aprire una pagina aziendale per la propria impresa sulla piattaforma.

Appare chiaro infatti che in assenza di un dipendente o un collaboratore dell’interessato in possesso quindi di una email aziendale registrata, non c’è alcun modo di aprire una pagina aziendale su LinkedIn.

 

LinkedIn è il network che unisce l’aspetto personale e quello aziendale

La pagina aziendale di LinkedIn è lo spazio che la piattaforma ha pensato per le imprese. Essa è creata e modellata per diventare una vera e propria versione semplificata del vostro sito web aziendale.

Le cinque ragioni per cui una pagina aziendale LinkedIn è fondamentale per un’impresa sono:

  1. Raccogliere seguito e seguaci
  2. Reclutare talenti e attrarre attenzione
  3. Presentare servizi e prodotti
  4. Comunicare efficacemente
  5. Fare lead generation, sfruttando le Ads di LinkedIn che sono un’esclusiva delle pagine aziendali

Quali vantaggi ha una pagina LinkedIn aziendale per la vostra impresa rispetto ad una pagina personale?

  • Prima di tutto è stata studiata appositamente per le imprese, quindi una pagina aziendale su LinkedIn, vi permetterà di valorizzare la vostra identità d’azienda al 100%;
  • Avrete la possibilità di creare, come per i profili personali, diverse versioni della vostra pagina aziendale a seconda della lingua che volete utilizzare;
  • La pagina aziendale LinkedIn mette a disposizione degli Analytics che permettono la profilazione degli utenti: engagement ai post, caratteristiche dei tuoi followers (anzianità lavorativa, settore, dimensioni dell’azienda, ruolo, statistiche sulla crescita del profilo, benchmarking con altre aziende);
  • Migliora le attività di reclutamento del personale con le offerte di lavoro, per le quali la profilazione vene fatta seguendo precisamente le vostre richieste e gli interessi degli utenti LinkedIn possibili;
  • È possibili creare delle pagine vetrina per ognuno dei vostri prodotti o servizi (fino ad un massimo di 10), singole e indipendenti dalla pagina aziendale per garantire la promozione verso target più specifici.
  • Avere una pagina aziendale è l’unico modo di accedere alla piattaforma di pubblicazione per i post sponsorizzati.

 

linkedin for business

 

I vantaggi di questa piattaforma passano anche dal tuo profilo personale

Come già detto LinkedIn è uno strumento valido sia dal lato utente come vetrina, che dal lato azienda, sia – per l’appunto – come vetrina, che come mezzo per trovare e contattare esperti del settore, nuovi clienti oppure possibili nuovi membri del team.

Vi è anche uno spazio per presentare i propri prodotti e servizi.

Questo social network può perciò essere utile nella creazione di traffico anche di utenti interessati in entrata al sito aziendale. Uno degli scopi di una pagina aziendale è quello di attrarre possibili talenti.

Anche per quanto riguarda LinkedIn è necessario un lavoro costante di ottimizzazione della SEO, in modo che il posizionamento nei motori di ricerca sia il più alto possibile. Un buon lavoro di SEO genererà traffico verso la pagina aziendale.

Inoltre, vi è la possibilità di raccogliere dati sui visitatori e analizzarli.

La cura della pagina LinkedIn è il primo step per rendere attraente la tua azienda su questo social network. La cura della scelta delle immagini, tra cui quella di copertina possibilmente di forte impatto comunicativo, una descrizione completa e accattivante e un’ottimizzazione del feed, con contenuti buoni, coerenti e interessanti, oltre che l’inserimento di Call to Action – utili anche alla raccolta dati –.

Un altro metodo per la creazione di contatti è la partecipazione ai Gruppi LinkedIn e passo successo la creazione di questi. Ricordiamoci sempre di monitorare i nostri contenuti grazie alla funzione di LinkedIn Analytics.

Tra le prime cose da fare è fare in modo che i propri dipendenti siano connessi alla pagina, ricordiamoci, è molto importante!

In sostanza LinkedIn è un terreno ancora poco percorso, solo 562 milioni di utenti presenti su questo network professionale, rendono però la piattaforma importante per la presenza di contatti di qualità rispetto che alla quantità.

LinkedIn è importante quindi che venga seguito e sfruttato al meglio dall’azienda. È necessario seguire una linea narrativa aziendale, ma soprattutto non rendere la pagina solamente autoreferenziale, bensì interessante e dinamica. Queste tecniche sono utili anche per quanto riguarda la pagina personale, una buona pagina personale dinamica può essere sfruttata come aggancio e vetrina per la pagina LinkedIn aziendale.

L’acquisizione di contatti passa dal LinkedIn personale, perciò è necessaria costanza, infatti LinkedIn raccomanda la condivisione di contenuti almeno una volta al giorno. Puntare su una buona strategia LinkedIn vi differenzierà dalla concorrenza.

Linkedin Ads: Aumentare la Brand Awareness e Non Solo

Linkedin è uno strumento con funzionalità tutte da scoprire. Una di queste poco utilizzate ma che sta diventando di giorno in giorno sempre più importante per le aziende è Linkedin Ads. Ma a cosa serve e soprattutto come funziona?

Normalmente gli Ads sono annunci pubblicitari che utilizzano spazi all’interno di Social Network come Facebook e Instagram o motori di ricerca come Google. Servono sostanzialmente per sponsorizzare il proprio brand e i propri prodotti.

Eppure Linkedin sta iniziando a diventare importante allo stesso modo. Come già detto è un canale professionale dedicato esclusivamente al mondo del lavoro ed è per questo che puntare a farsi conoscere all’interno di questa piattaforma dà garanzia di maggior successo rispetto alle altre.

Campaign Manager: Tre Formati, Scegli Quello Più Adatto alla Tua Azienda

Linkedin offre uno strumento specifico: Campaign Manager. Questo tool permette di creare campagne targettizzate. Per prima cosa bisogna sapere che i formati su Linkedin sono tre:

  1. Contenuti sponsorizzati
  2. Messaggi InMail sponsorizzati
  3. Annunci di Testo

Ma qual è la differenza tra i tre? Andiamo ad analizzarli nel dettaglio.

  1. I primi, i contenuti sponsorizzati, sono quelli generalmente più utilizzati. Si tratta di annunci che appaiono sulla bacheca, la news feed del pubblico che si è scelto e che è più adatto ai nostri servizi/prodotti.

 

Ha funzioni di Brand Awareness, ovvero far conoscere il proprio brand a un vasto pubblico in modo da attrarre nuovi followers.

 

Oltre a questa vi è anche la Lead Generation. Sponsorizzare su Linkedin i propri servizi attrarrà i giusti clienti e verranno migliorati i tassi di conversione.

 

A/B Test: novità interessante che fa distinguere questa piattaforma dalle altre è la possibilità di testare l’efficacia degli aggiornamenti pubblicizzando allo stesso pubblico contenuti del tutto differenti.

 

Saranno anche disponibili grafici e analytics che daranno un’idea di come sta andando la campagna. Insomma, tutto rimane sotto il tuo controllo.

 

  1. Messaggi InMail sponsorizzati: un contatto diretto con gli utenti di Linkedin. Questo è un modo molto originale e unico nel suo genere.

 

Sostanzialmente permette di mandare un messaggio sponsor direttamente nella casella di posta dell’utente che risponde al target che si desidera.

 

La differenza con Facebook Messenger c’è ed è semplicemente che sul Social più utilizzato, Facebook per l’appunto, la chat si può attivare solo se l’utente ha già interagito con l’azienda o con la pagina. Qui invece no, dopo aver profilato il pubblico si arriva a prescindere alla casella di posta: messaggio ricevuto.

 

Ma qual è la funzionalità principale di questo strumento di marketing?

 

Migliora le conversioni. Sicuramente l’utente, ricevendo direttamente il messaggio nella propria casella di posta, penserà che quello sponsor è stato creato appositamente per lui, e in qualche modo si sentirà più portato a leggerlo rispetto ad una normale Ads all’interno delle news feed.

 

Testa le conversioni. Si possono creare differenti messaggi in base al pubblico. In questo modo le informazioni che vengono inviate non sono standardizzate ma personalizzate.

 

  1. Gli ultimi, ma non per importanza, sono gli annunci di testo. Questi sono molto semplici ma altrettanto funzionali. Tra tutti questi tre sopra elencati è l’unico tipo che può essere usato senza una vera e propria pagina LinkedIn.

 

Funzionano quando gli utenti ci cliccano sopra, il cosiddetto PPC (Pay per Click) o CPM (Cost per Impression).

 

 

Una volta che si è analizzata la propria azienda e si è deciso quali sono i punti che vogliamo rinforzare possiamo procedere a scegliere il formato che fa per noi.

 

Le regole per una buona realizzazione di una campagna pubblicitaria su LinkedIn sono pressoché le stesse che si utilizzano per le campagne su Facebook o Google.

 

I messaggi devono essere concisi e dritti al punto, si sa che gli utenti devono essere attratti con poche parole. Un testo troppo lungo tende ad essere evitato nettamente dalla maggior parte.

 

Va poi analizzato in primis anche il target delle persone a cui vogliamo destinare gli annunci.

Questa è la forza di LinkedIn, i dettagli che possono essere selezionati sono tantissimi a differenza degli altri Social Network. Il settore relativo alle attività lavorative è molto specifico e permette di selezionare minuziosamente le persone che si cercano.

 

Una volta terminato questo punto si potrà passare alla definizione di un budget. Si potrà scegliere fra CPS (importo per ogni InMail inviata con successo), CPC (campagne per la conversione degli utenti), CPM (per aumentare l’Awareness).

 

Da ultimo andrà sempre controllata la campagna in modo che la performance sia sempre ottimale e i risultati ottimizzati.

 

LinkedIn insomma non è di certo uno strumento da sottovalutare, anzi, sta prendendo sempre più importanza.

Molti ancora non sanno sfruttarne a pieno le potenzialità eppure, come potete leggere da questa guida, può aumentare notevolmente la Brand Awareness e altri importanti aspetti di un’azienda.

 

Che aspettate quindi? Iscrivetevi e scriveteci, pensiamo a tutto noi!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *